Quanto ti senti legato a chi hai perso?

Il legame affettivo è un fenomeno che difficilmente riesce a slegarsi, tranne in caratteri particolari: alcuni sentimenti restano anche se non vorresti

 


Il legame affettivo:

Quanto ti senti legato

a coloro che hai perso?

 

 

Nonostante giudizi cattivi e le parole volgari che puoi esprimere verso coloro che si sono allontanati lasciandoti come un se fossi indesiderato:

resta in te un sentimento che non permette la divisione completa dai soggetti che ti hanno tradito o esercitato cattiverie nei tuoi confronti.

Tengo a precisare che sono un uomo e posso solo esprimere ciò che accade nella mia vita giudicata in base al mio carattere e alla mia sensibilità.

Ma mentre il mio carattere tende a legare le persone con le quali ho avuto relazioni sentimentali o di amicizia non ho trovato la stessa risposta da loro.

 

Mi trovai a credere di essere anormale, un incapace di amare oppure semplicemente antipatico ma il problema non dipendeva da questi fattori.

Nonostante, per anni, cercai il mio problema attinente al legame sentimentale, e ciò che ne scaturiva, non risolsi l’enigma.

Forse la mia sensibilità o le mie aspettative, il mio egocentrismo o la pretesa di trovare individui con la mia stessa educazione.

 

Forse: perché nessuno aveva mai notato la realtà del mio sentimento confondendolo con un qualche interesse materiale od economico.

Ma nulla di tutto ciò che mi veniva contestato spingeva la mia persona a legarsi con altri individui era solo:

una necessità di collaborazione per raggiungere la meta voluta da me e da coloro che mi frequentavano.


 


Quanto ti senti legato

a coloro che hai perso?

 

Poi mi accorsi di un fenomeno che avevo sottovalutato e che era nascosto proprio nella mia mente: la serietà con la quale vivevo in società con altri

Troppa serietà: ma questo dipendeva dalla mia educazione, non potevo fare nulla per rimediare; provai a simulare il soggetto:

poco serio, ma non mi trovavo a mio agio in quella situazione ed anche mi fossi unito con una prostituta non riuscivo a considerarla tale ma tendevo a legarmi pure a lei.

Attualmente provo un forte legame con tutte le persone che mi hanno frequentato come con le donne che ho amato.

 

Ma che purtroppo non ho mai più frequentato perché il destino si è presentato così nei miei 53 anni di esistenza. 

Infatti per alcune persone provo un legame così forte che in tutte le ricorrenze annuali, nella quali sono esistiti momenti incisivi ed importanti, che mi salta il sistema nervoso.

Sicuramente uno psicologo professionista riesce a vedere oltre tutto ciò ho elencato in questo articolo ma personalmente: ho notato un fenomeno che non dovrebbe essere sottovalutato.

Qualsiasi persona si presenti nella vita deve essere analizzata per non rischiare di legarsi con individui che potrebbero usare i tuoi sentimenti contro di te.

 

Perché il problema nasce proprio da un’incompatibilità di carattere che sovente sottovalutiamo per motivi apparentemente di comodità.

Soprattutto la paura di rimanere soli provoca  lo stimolo di unirsi con chiunque incontri, come se tutti fossero uguali,

Purtroppo siamo tutti diversi e al limite: possiamo assomigliare ad altre persone, ma questo non vuol dire che debbano essere come noi.



Quanto ti senti legato

a coloro che hai perso?

 

Un’altro problema che rischia di legarti inesorabilmente ad un’altra persona è la frequenza con la quale vi frequentate.

Se vi frequentate poche ore ogni mese: non implichi alcun legame, ma se convivi o frequenti gli altri assiduamente e tutti i giorni:

inevitabilmente ti legherai a loro anche se queste persone non esprimono il tuo sentimento, la collaborazione e la tua serietà.

Provandone la mancanza anche se a loro non importa nulla di te perché dipende sempre dal tuo carattere, dalla tua educazione e dalle qualità di chi incontri.

Attualmente sento solo il legame con la mia ex moglie e con i miei figli che mi obbliga ad frenare la mia impulsività perché ormai non ho più alcuna famiglia.

Oggi Non frequento più alcuno proprio per limitare i danni e non rischiare di trascorrere notti sveglio a bestemmiare da solo.