Prima legge spirituale l’essenza

Durante le mie esperienze spirituali ho appreso le leggi essenziali che scaturiscono la fede che pur sembrando banali sono invece molto impegnative

 

 

 

L’essenza della fede

Prima legge spirituale l’essenza

Dopo aver compreso l’unicità dell’Altissimo; e la sua singolarità, singolarità che diede origine allo spazio, apparentemente:

vuoto, del cosmo; e successivamente a tutto ciò che esso contiene:

appresi, ancora oggi, l’importanza della considerazione del prossimo purché esso sia ostile, provocante, aggressivo, egoista e vigliacco.

 

 

 

 

Cosa accade difronte all’ostilità ?

 

Quando pensiamo al trattamento ricevuto dal prossimo che non ci aggrada e ci irrita per i modi aggressivi, o ingiusti nel rapporto con noi:

tendiamo a rivendicare tale comportamento anche semplicemente lanciando pensieri di disprezzo verso chi ci ha danneggiati od offesi.

 

 

Prima legge spirituale l’essenza

 

Cosa genera questa rivendicazione mentale

 

Questo comportamento di mentale, di disprezzo verso che ti danneggia moralmente o fisicamente comporta: un innalzamento della pressione sanguigna,

con conseguente alterazione dei battiti cardiaci e del funzionamento degli organi vitali come, se con il tuo atteggiamento:

completassi il lavoro di chi ti ha danneggiato.

Se dalla rivendicazione mentale: il fenomeno si trasferisce al mondo fisico potresti facilmente assumerti dei torti e pagare per non aver sopportato il danno.

 

 

Prima legge spirituale l’essenza

 

 

Dove siamo finiti ?

 

Siamo finiti in questo mondo forse proprio per apprendere che ciò che accade non ha alcun valore se non quello di accadere.

qualsiasi ribellione a questa realtà ti obbliga a gettare via il tuo tempo e i tuoi sforzi per modificare un destino con: accesso negato.

Oltre a peggiorare la tua situazione fisica e psicologica, trascinandoti verso un’inevitabile malattia che tenterà di insegnarti

per l’ultima volta: la legge dell’essenza spirituale, della specie umana.

 

 

 

 

 

 

Prima legge spirituale l’essenza

 

Appresi la legge della fede spirituale studiando i vangeli cattolici e successivamente dallo studio della religione islamica:

purché essa sembri il contrario di ciò che sto per descrivere.

L’islam, infatti, viene propagandato in occidente con il titolo di: religione del terrore o della vendetta, ma se avrai tempo di leggere

attentamente il Corano: noterai che in alcuni capitoli viene riproposto il perdono per coloro che sono capaci di ragionare.

Applicando ciò che insegnavano Gesù e Muhammad  osservai accadere fenomeni ambigui che mai avrei atteso.

Infatti cercando di inibire l’irritazione, trasformandola in un pensiero di benedizione invece del rancore che maledice il nemico che ti ha danneggiato:

notai un cambiamento improvviso del mio stato psicofisico.

 

 

 

 

 

Cosa intendo per perdono o benedizione

 

Intendo rovesciare la situazione, trovare la forza per modificare il rancore in: che dio ti benedica e ti aiuti per sempre.

Ma non considero il perdono: l’ostentazione a farsi danneggiare ripetutamente, perché ogni individuo è responsabile della sua vita e

deve agire di conseguenza se qualcosa la turba, cioè: allontanarsi in silenzio dalla situazione svantaggiosa.

 

Prima legge spirituale l’essenza

 

 

Perché il perdono solo per chi ragiona ?

 

Perché per perdonare il danno ricevuto occorre tutto questo studio, ragionamento e accettazione di una realtà invisibile che

chi non ragiona non può possedere e quindi si avvale della vendetta che purtroppo non è per alcunché vantaggiosa, ma pochi riescono a comprenderlo.

Per questo motivo in alcuni stati con religione islamica il popolo appoggia dittature ed estremismi: per ottenere una giustizia fisica, visibile

invece che spirituale, ed invisibile a cervello chiuso.

 

 

Prima legge spirituale l’essenza

 

 

Reazione spirituale alla legge della fede

 

Constatare di persona la reazione spirituale all’azione di: aver inibito il rancore ed averlo trasformato in un pensiero positivo verso colui che ti ha danneggiato:

consolida la tua fede e ti permette di vivere in salute fisica e psicologica ma soprattutto di sorridere anche difronte ad un criminale.

Che spiazzato dal tuo comportamento tenterà la fuga dallo spavento.

La prima legge della fede necessità il pilastro di un’ informazione sintetizzata da Gesù, circa 2000 anni fa, inerente alla legge ed ai profeti:

Non fare ad altri ciò che no vorresti fosse fatto a te.

 

 

 

 

 

Nell’Islam il perdono viene promosso

 

con il versetto 22 al capitolo 24: perdonino e passino oltre! Non desiderate che l’Altissimo vi perdoni?

Al capitolo 42 versetto 40: Chi perdona e si riconcilia: avrà nell’Altissimo la sua ricompensa.

 

 

 

 

Corano capitolo 20° Ta Ha

 

Versetto 130

Sopporta con pazienza ciò che dicono: glorifica e loda il tuo Signore prima del levarsi del sole e prima che tramonti glorificalo durante la notte e

agli estremi del giorno, perché tu possa essere soddisfatto.

 

Versetto 135

Tutti attendono e quindi attendete, presto saprete chi sono i compagni della retta via e chi sono i ben guidati

 

 

 

Informazioni che non sostituiscono al tua guida spirituale e neppure il tuo psicologo.