Utopia: significato e storia dell’ utopia

Utopia

L’utopista è colui che inventa menzogne ​​da dare alla società, nella speranza che qualcuno gli creda e lo aiuti nei suoi intenti.

Tommaso Moro o Thomas More conia un significato dell’utopia con un gioco di parole e in questo modo la parola Utopia significa Buon Luogo invece che Falso

Tutto ciò che viene proposto nella vita reale viene considerato una mera illusione o un falso ideale a cui diamo l’aggettivo di utopico.

L’utopista è colui che inventa menzogne ​​da dare alla società, nella speranza che qualcuno gli creda e lo aiuti nei suoi intenti.

Tommaso Moro  conia un significato dell’utopia con un gioco di parole e in questo modo la parola Utopia significa Buon Luogo invece che Falso.

In sostanza per Tommaso,  l’utopia,  sarebbe un luogo buono ma inesistente.

Stesso comportamento è stato usato da tutte le religioni, che si speculando sul peccato, sul paradiso, sulla tristezza, sul potere,

sulla morte e sulla resurrezione hanno inventato solo utopie per convincere l’uomo a fare lo schiavo. Ma non esistendo un sistema razionale, per definire cosa è utopico,

ancora oggi non è un caso determinante di questa parola. Come vedete: tra politica e religione non vi sono molte differenze.