https://www.umanambiguita.com/nibiru-marduk-ed-anlil-i-figli-di-anki

Nibiru: Marduk ed Anlil i figli di AnKi

Durante lo sviluppo delle città impero di Sumer, avvennero delle scissioni tra i primi popoli civilizzati che entraro in conflitto tra loro e gli imperi furono comandati da Marduk e Anlil


Nibiru

Anki’s Empire

capitolo 16° 

 

 

Nibiru: Marduk ed Anlil

Nella leggenda science & fiction, devo fare riferimento ad alcuni personaggi che legano la storia della civiltà.

Collegandomi approssimativamente all’epopea di Gilgames (epopea classica babilonese, risalente a circa 4500 anni fa)

E all’alba degli Arconti di Federico Divino, per collegarmi con la storia di altri popoli che hanno condotto o copiato il programma di AnKi;

Per poterti trasmettere una leggenda che faccia riferimento a momenti storici importanti ed anche sognare:

tramite la mia fantasia; che attribuisce l’opera di civilizzazione agli alieni e a Sumer, il terrestre eletto da AnKi per civilizzare l’umanità.

E permettere alla specie Anunnaki di camminare sul pianeta Terra tramite la loro coscienza che vive nella nuova specie umana incrociata geneticamente con gli alieni.

Anche se solo nel 2% della specie umana: riuscirà totalmente positivo il programma di AnKi: questa percentuale sarà sufficiente per governare tutto il globo.

Permettendo agli alieni di costruire ciò che è necessario per tornare nello spazio, tramite l’uso della forza lavoro fornita dal restante 98% dell’umanità.

Certamente lavorano anche gli alieni ma per trovare nuovi mondi e permettere la continuità dell’esistenza alla nuova specie intelligente.

In pratica gli alieni sono riusciti a modificare alcuni esemplari umani, geneticamente, e a concepire figli tra i terrestri.

Ma la modifica iniziale non ha potuto operare su vasta scala perché gli alieni erano solo un centinaio e di conseguenza solo il 2% è rimasto originale, dopo seimila anni di evoluzione. 

E per questo motivo, iniziò il primo divieto fisico: il sesso promiscuo, occasionale, l’accoppiamento con esemplari non riusciti totalmente alla modifica e il divorzio da un esemplare geneticamente modificato al 100% 



Nibiru: Marduk ed Anlil

i figli di Anki

Avvenne quindi che alcuni non furono in accordo con i primi divieti che l’umanità non riusciva a comprendere.

Di conseguenza alcuni individui si ribellarono a tale condotta e convinsero altri a seguirli nella loro evasione dalla civiltà.

Questi evasori delle leggi civili riuscirono a raggrupparsi e a fondare due terre Sdom e Amora che vennero considerate le città ribelli.

La situazione stava sconvolgendo le prime città impero ed AnKi: fu costretto ad inviare i suoi figli Marduk ed Anlil per tenere sotto controllo la situazione.

Ma non vi fu altra soluzione che quella violenta e Sdom e Amora vennero distrutte perché considerate non sanabili.

Il robot degli Alieni, usato per seguire l’operazione civiltà e il satellite in orbita bastarono per spaventare gli abitanti e metterli in fuga.

Mentre; per far comprendere ai terrestri  le capacità aliene: le città vennero disintegrate un fascio laser ad alta potenza sparato dalla stazione spaziale Nibbur Main Source.

Enlil guidò il popolo che discendeva da Avraham mentre Marduk guidò il popolo della terra nera e l’impero di babele che fu l’unico a salvarsi dopo la distruzione di Sdom e Amora.

Il popolo della terra nera apprese ogni insegnamento dal signore della Civiltà, l’eletto da Anki: il principe Sumer.

Che ormai vecchio dovette lasciare il suo comando a Marduk il figlio di AnKi e fratello gemello di Anlil.

Un nipote di Avraham: lottò per un giorno intero con un anunnaki che non riuscendo a vincerlo: colpì al femore il nipote di Avraham: Yakuv, che però continuò a lottare.

Allora il combattente alieno esclamò: basta! Lasciami andare che è tornata l’aurora, ma Yakuv rispose: non ti lascerò sino a quando non mi avrai dichiarato vincente.

L’alieno disse: tu da oggi ti chiamerai Ishrail perché hai combattuto con Yahweh e con gli uomini, vincendoli.

Avvenne che Marduk ed Anlil si divisero per guidare i popoli, terrestri semi civilizzati, ma alcuni umani presero il sopravvento ed espressero, nel nome della civiltà, i loro istinti bestiali.


 

Nibiru: Marduk ed Anlil


Il Generale AnKi

aveva compreso che gli umani, riusciti all’esperimento, sarebbero risultati una percentuale molto bassa, tra i terrestri presenti sul pianeta.

Ma questo fenomeno non lo preoccupava perché considerava normale una reazione simile ad una nuova visione dell’esistenza, che i terrestri avevano appena conosciuto.

Oltre a ritenere importante: che non tutti gli abitanti della Terra ricevessero le stesse percentuali di intelligenza per un motivo esplicito.

Se tutti gli umani avessero raggiunto la stessa consapevolezza ed uguale intelligenza: non sarebbe stato possibile trovare forza lavoro

per raggiungere una tecnologia che permettesse agli Anunnaki di tornare nello spazio con nuove astronavi e materiali per la manutenzione della stazione spaziale.



Avvenne che:

Un figlio di Anlil: Yaldabaoth si mescolò sessualmente con la specie umana senza considerare le conseguenze di questo gesto che generarono in lui senso di potere supremo nei confronti di Marduk.

Yaldabaoth decise di sconfiggere Marduk per poter governare totalmente i primi imperi civili  senza considerare l’inutilità di questo gesto.

Dopo un combattimento che durò tre giorni AnKi decise di intervenire con il suo potere giuridico esiliando Yaldabaoth nelle terre d’occidente e lasciando il suo impero sotto il dominio di babilonia.

Inondando le terre di Yaldabaoth e ordinando a Marduk l’arresto di coloro che si stavano ribellando al potere di AnKi.

Con l’esilio di Yaldabaoth: Babilonia era rimasta senza guida civile ma grazie al ritrovamento dei documenti lasciati dal principe Sumer riuscirono seguire gli insegnamenti del Generale AnKi.

A causa di questo esilio e dell’allagamento delle terre i seguaci di Yaldabaoth dichiararono “Marduk” un demone e il Generale Anki:

un signore del male, perché li aveva abbandonati lasciando annegare molti di loro.

Gli esiliati e sconfitti nominarono AnKI con il nome di “Satanama” che nella loro nuova lingua indicava il nemico dell’umanità.

Mentre in lingua Sumera e Anunnaki rappresentava la via del risveglio e della conoscenza; fu l’inizio della confusione e del caos:

i terrestri: non comprendevano il motivo dell’oppressione e l’ignoranza gravava sulla loro libertà  che li rendeva schiavi e inermi di fronte a una mentalità interessante ma mai osservata prima e criticata e disprezzata dai ribelli.

Questo fenomeno attinente al giudizio malevolo, nei confronti di chi non aiutava i colpevoli e li giudicava ribelli, fu in occidente un evento di massa almeno sino al 1700 d.C.

Ma anche attualmente, in alcuni casi, viene dichiarato “deficiente o malevolo” colui che non sostiene i disonesti o propone concetti difficilmente accettabili ma veri e razionali.


 

Nibiru: Marduk ed Anlil


L’intervento di AnKi:

Nel corso del tempo il generale Anki comprese che i terrestri necessitavano guide che insegnassero loro ciò, che i ribelli di babilonia, avevano nascosto per ottenere individualmente potere.

Ormai esiliati caddero nelle mani degli egiziani che approfittarono della loro presenza per generare forza lavoro nei campi, nella costruzione delle piramidi e di edifici faraonici.

Per ottenere attenzione e salvare dall’oppressione queste popolazioni terrestri:

AnKi: inviò agli umani alcuni scienziati e psicologi presenti sulla stazione spaziale Nibbur Main Source; i superstiti di Nibiru.

Che insegnarono all’umanità una visione distaccata dal potere e dal orgoglio ma connessa alla conoscenza e all’umiltà.

Gli scienziati del generale Anki liberarono l’uomo dall’oppressione e dalla schiavitù; essi trasmisero al cervello umano informazioni che modificarono la realtà del pianeta Terra e dell’esistenza.

Purtroppo Yaldabaoth dettò al suo popolo le nuove regole generate dalla modifica delle regole dettate da Anki.

Oltre a generare un codice, all’interno delle regole stesse, per predire gli avvenimenti futuri e studiare quelli passati.

Con queste nuove regole, Yaldabaoth: definì il concetto di nuovo ordine mondiale; e lo dettò a Mosè che lo scrisse in un sacro libro per trasmetterlo al suo popolo.

Popolo che considerò Anki, gli Anunnaki e gli abitanti della Mesopotamia i nemici dell’umanità e del mondo.

Fenomeno che perdura da circa 4000 anni e che, anche attualmente, è presente nella mentalità degli occidentali che non conoscono la storia dell’umanità.

Ne conseguì che Il popolo di Yaldabaoth rese servizio di fedeltà al faraone Akenaton che diede origine al culto di Aton attinente all’adorazione del sole, il primo monoteismo egiziano, 

in contrapposizione al precedente culto di Amon che apparteneva all’occulto, all’esoterismo e al politeismo.

Il culto di Aton venne modificato da Yaldabaoth in “ADON IS” che venne successivamente adattato e modificato in tutte le lingue occidentali per indicare il nome di dio.

 

Yaldabaoth

scelse un nuovo nome, che esprimeva il colore della sua capigliatura bionda, l’aggettivo di GOHARA

nome con il quale iniziò a manovrare un potente impero su Roma per espandere il territorio come fece con la terra di Judea per il suo popolo.

(Ricordo che questa è una leggenda science and fiction contenente elementi scientifici, storici, culturali e fantasiosi).


Nibiru Marduk ed Anlil


Rifiutare una cultura

per pregiudizio e collegarla al male per ignoranza non permette all’uomo di evolvere intellettualmente bloccandolo nella sua mentalità ereditata.

Mentre comprendere la cultura e il modello di vita di altri popoli concede all’individuo informazioni importanti che, unite alle sue, generano soluzioni e nuove opportunità.

Ma ricorda:

che come estranei siamo arrivati in questo mondo e come estranei ce ne andremo.


Se è finita la leggenda?

No, tranquillo: finisce nel futuro, se me ne daranno il tempo.

(Ricordo che questa è una leggenda science and fiction contenente elementi scientifici, storici, culturali e fantasiosi).

Leggi l’articolo:

chi è An – l’entità misteriosa

Per leggere i capitoli

precedenti della leggenda

visita la pagina: