mareggiata chiavari genova

Nibiru: l’Impero di Anki nella nuova era

Dopo la trasformazione della specie Homo: l’Impero di Nibbur, al comando di AnKi: è riuscito ad ottenere l’ausilio degli umani: ora può esplorare il sistema solare


 

Nibiru:

L’impero di AnKI

nella nuova era umana

 

Capitolo 20°

 

Ormai la specie Homo è totalmente diversa da quella che AnKi: ha trovato sul pianeta Terra; l’umanità neppure ricorda la sua natura.

L’uomo si è spinto oltre i confini della sua realtà, tanto: che quasi nessun essere, umano, riuscirebbe a tornare alla sue origini nella giungla.

 

La specie Homo non ha più la cultura, ne le conoscenze per affrontare l’ambiente nel quale è nata, mentre alcuni animali della terra si sono estinti:

quelli rimasti si sono adattati ai cambiamenti climatici del pianeta, ma l’uomo non ha fatto lo stesso.

Esso si è rinchiuso in case e uffici climatizzati che riscaldano quando è freddo e raffreddano quando è caldo; grande comodità che però:

non  permette al fisico umano di adattarsi a questi cambiamenti, indebolendo il suo organismo  a contatto con gli agenti esterni.

 

Anche se l’umanità si è moltiplicata, nel corso di poco tempo, questo fenomeno non esclude la sua estinzione improvvisa.

Perché gli esemplari della specie umana si sono abituati ad ottenere sostentamento tramite l’energia prodotta sul pianeta.

I lavori manuali vengono dimenticati perché sostituiti dalla tecnologia informatica, di conseguenza: se mancasse l’energia elettrica, i trasporti e la sanità:

molti esemplari della specie morirebbero di fame, di malattie e di freddo o per il troppo caldo, forse l’esperimento Alieno ha salvato anche la specie homo, oltre che a quella Anunnaki.

 

Forse sarebbero estinti come gli altri animali e se non si fossero civilizzati e industrializzati: avrebbero patito la fame.

Ma la realtà è comunque positiva: il tempo  medio della vita umana è salito a circa 80 anni di età, mentre pochi millenni fa: era di appena 30 o 40 anni.

Molte malattie vengono curate negli ospedali, mentre nella giungla: o guarivi o morivi; a qualsiasi età anche solo per un’influenza.

Osservando attentamente l’esperimento alieno, compiuto da AnKI , sugli umani: potresti valutarne il vantaggio non solo per gli alieni ma anche per i terrestri.



L’impero di AnKI

nella nuova era umana

 

 

Finalmente l’uomo riesce ad andare nello spazio e a costruire stazioni spaziali; delle quali gli umani: non sapranno mai la verità.

Queste costruzioni nello spazio ospitano esemplari alieni della specie Anunnaki e scienziati terrestri che lavorano:

collaborando al nuovo progetto di AnKI per salvare la sua nuova specie incrociata geneticamente con la specie Homo.

Siccome le analisi dell’imperatore di Nibbur (Nibiru) inerenti al globo terrestre: prevedono un cambiamento critico

del clima, che potrebbe causare enormi inondazioni coprendo una gran percentuale della terra ferma.

Per AnKi: occorre trovare una nuova sistemazione per la specie umana, non più solo terrestre ma anche un po’ aliena.

Oltre a scoprire la presenza di eso pianeti, troppo lontani dal sistema solare per essere raggiunti, AnKi comprende che vi potrebbe essere una possibilità non molto distante dalla Terra:

Questa possibilità Consiste nel riuscire a portare vita sul pianeta Marte, per poterlo colonizzare e rendere abitabile alla nuova specie.

Alcuni uomini di un’agenzia spaziale terrestre: hanno inviato navette spaziali per la perlustrazione dello spazio.

 

Alla ricerca dell’esistenza della vita oltre la Terra e il sistema solare, ma nessuno sa nulla tra gli umani;

infatti molti esemplari sono scomparsi dal pianeta per cause ignote, oppure dovute a gravi incidenti non verificabili.

Per non risvegliare l’opinione pubblica attinente ai viaggi spaziali e non incuriosire, troppo, alcune super potenze.

Molti pionieri sono stati lanciati nello spazio e mai tornati alla base di lancio;  e stanno viaggiando e lavorando per ordine di AnKi, e la salvezza della specie.

Siamo nel XXI° secolo d.C. della specie ibrida umana e aliena; se hai l’impressione di essere anche un po’ alieno: non farci caso; è proprio così.


 

 


L’impero di AnKI

nella nuova era umana

Qualcuno osserva attentamente l’esperimento alieno; è l’ambasciatore di AnKi che ha l’incarico: di trasmettere, all’impero, tutti i risultati.

Di comunicare a coloro che vivono sulla Terra l’esistenza di una presenza aliena nella loro vita, perché accettino questa realtà e collaborino per la loro salvezza.

Purtroppo, sulla Terra: anche gli ufologi dubitano della presenza dell’ambasciatore di AnKI ma questo è un normale fenomeno terrestre.

Oltre a considerare che questa: è una legenda Science & Fiction.


 

 

Non perderti il prossimo capitolo

Leggi i capitoli precedenti

nella categoria

↓