Cos’è l’origine del Tutto?

Dopo aver ascoltato per molto tempo la sapienza, contenuta nei libri antichi, ho maturato un’osservazione personale dell’origine del tutto, utile alla mia psicologia


L’origine

 

Cos’è l’origine del tutto?

Sia le culture atee come quelle religiose negano o acclamano l’origine del tutto come un’entità simile all’uomo anche se solo spirituale.

Riconoscendo solo qualità onnipotenza  e chiaroveggenza mescolate a qualità umane anche spregevoli come la vendetta e la gelosia.

Mentre nelle culture politeiste l’osservazione dell’origine del tutto si allarga ad altre divinità che aiutano o lavorano per una più grande e potente.

In entrambi i casi ho notato che la psicologia personale, ed anche di alcuni individui, tende a generare sensi di colpa; come se quelle entità: potessero irritarsi e vendicarsi sugli esseri umani.

Vendicarsi della disubbidienza ai concetti religiosi o morali attinenti alla vita sociale e civile;

punita direttamente dagli uomini o dalle entità spirituali nelle quali credono i fedeli, a quelle religioni o culture.

Il fenomeno che ho potuto constatare di persona, su me stesso, consiste nell’osservazione di questa entità origine del tutto con diverse considerazioni.

 

Esempio:

Essere legato alla religione o ad una cultura ideologica mi costringe ad applicare concetti, nella mia vita quotidiana, che evadendoli possono generare senso di colpa e distacco dall’origine del tutto.

Mentre la libertà di essere un essere umano, come l’origine del tutto ha concesso alla specie, mi permette di considerare l’origine in qualsiasi circostanza della mia vita.

Perché è l’origine del tutto che ha permesso di esprimerti con la voce quindi: è assurdo rimanere in silenzio.

L’origine del tutto ti ha concesso un equilibrio quindi è ridicolo non usarlo, come l’amore, la rabbia, il nervoso ma sempre con quell’equilibrio che ti è stato concesso.



Cos’è l’origine del tutto?

Il libri antichi riportano di un’entità gelosa, ma questo: mi parve ridicolo già in giovane età, infatti:

non riuscivo a capire la stupidità della gelosia espressa da un’entità infinitamente superiore all’uomo.

Questa considerazione la confermai tempo dopo osservando che l’origine del tutto non può essere gelosa di ciò che ha generato perché sarebbe contraddittorio.

Come se, dopo aver cresciuto un figlio: fossi geloso della sua vita sentimentale e lo volessi chiudere in casa per paura che ti tradisca.

Successivamente mi accorgo che l’entità, glorificata da molti credenti: aiutava individui con un carattere diverso da quello di un umile persona.

Osservo che coloro che dimostrarono furbizia e scaltrezza vennero considerati uomini di dio o dio in persona.


 

Cos’è l’origine del tutto?

Mi accorgo che in nome di un’entità invisibile si combattono guerre e molti umani vengono sacrificati per dimostrare il potere di questa entità.

Sacrifici: che avvengono nel monoteismo ma anche nel politeismo, oggi sostituiti con espressioni simboliche, ma pur sempre sacrifici.

A 53 anni mi accorgo che dopo una vita faticosa: non vedo più alcun motivo per cui un uomo debba essere punito, purché abbia bestemmiato e mangiato a sazietà.

Comprendo che a Dio piacciono anche le mie bestemmie anzi le apprezza più delle mie preghiere, allora capisco.

Capisco che l’origine del tutto è veramente immensa e potente, che non si offende delle tue bestemmie e neppure degli insulti.

Perché più sinceri di qualsiasi preghiera, che può servirti, comunque, per tornare a casa psicologicamente.

Per l’origine del tutto non esiste alcun bene o male: essi sono generati dalle leggi fisiche, imposte dall’origine del tutto, e da quelle morali, imposte dall’uomo.

 

Cos’è l’origine del tutto?

E’ ciò da cui nasce ogni minuscolo frammento anche quello quantistico, è l’energia che permette l’esistenza del cosmo e che fa battere il tuo cuore.

Ma non gli importa nulla dell’amore o del sentimento, della vita di qualcuno come pure della tua, quando decide: inizia o si interrompe questo fenomeno, altro non so dirti ed è meglio così.

Se vuoi riconoscere l’origine del tutto: devi accettarla così, altrimenti ti sfugge e diventa solo un’idolo e una mera illusione.

Ricorda solo che: dal nulla non è mai nato alcunché.


Informazioni di carattere psicologico che non sostituiscono il parere del tuo psicologo; o della tua guida.

Grazie per la visita