Cos’è l’entanglement quantistico?

La meccanica quantistica ha prodotto previsioni sperimentali con una precisione mai osservata prima, il fenomeno di entanglement quantistico; che consiste nella sovrapposizione di molteplici sistemi quantistici

L’entanglement

 

Cos’è l’entanglement quantistico?

In alcune condizioni lo stato quantico può essere descritto solo come sovrapposizione di molteplici sistemi quantistici.

Ne consegue che il valore di un sistema determina anche il valore osservabile degli altri sistemi.

L’entanglement quantistico prevede correlazioni a distanza senza alcun limite di spazio mentre:

il principio di località della fisica classica afferma che oggetti distanti non possono avere tali correlazioni.

La parola “entanglement” significa “intreccio” e fu introdotto da Erwin Schrodinger nel 1935 che ne rivelò la Teoria nella recensione dell’articolo “Il Paradosso”

La riproduzione matematica di uno sistema fisico prende il nome di stato quantico o quantistico, che è un vettore definito in uno spazio di Hilbert

Il Fenomeno quantistico:

Realizzando un insieme costituito da due particelle ne comporta che il valore misurato di una particella influenzi istantaneamente il valore dell’altra.

Il fenomeno descritto permette che il valore globale, del sistema, resti invariato dal valore iniziale anche se le due particelle si trovino molto distanziate senza alcun limite di spazio.

Chiaramente il valore relativo alla singola particella e sottoposto alle regole quantistiche di “probabilità”

Questa proprietà della meccanica quantistica mette in discussione i principi, proprio per questo motivo:

Einstein, Podolski e Rosen formulano il paradosso “EPR” che descriveva paradossale il fenomeno dell’Entanglement.

Il principio di realtà, di località e di completezza portarono alla nascita del paradosso; che per essere risolto necessitava la caduta di una delle tre ipotesi.

Ma l’errore di base consisteva nell’incompatibilità dei principi di località e realtà, questo errore fu notato da Bell nel 1964 in una dimostrazione di una teoria delle variabili nascoste.

L’interpretazione dell’entanglement più approvata è quella di Copenaghen che osserva aspetti locali della teoria quantistica dei campi, osservando anche quelli non locali; la teoria dell’entanglement nega il principio di realtà.

Mentre la teoria di Bohm: è comune a quella delle variabili nascoste e afferma il principio di realtà negando quello di località.

 

Cos’è l’entanglement?

L’entanglement quantistico prevede correlazioni a distanza senza alcun limite di spazio mentre il principio di località della fisica classica afferma che oggetti distanti non possono avere tali correlazioni.

La parola “entanglement” significa “intreccio” e fu introdotto da Erwin Schrodinger nel 1935; che ne rivelò la Teoria nella recensione dell’articolo “Il Paradosso”

Realizzando un insieme costituito da due particelle ne comporta che il valore misurato di una particella influenzi istantaneamente il valore dell’altra.

Il fenomeno descritto permette che il valore globale, del sistema, resti invariato dal valore iniziale anche se le due particelle si trovino molto distanziate senza alcun limite di spazio.

L’interpretazione dell’entanglement più approvata è quella di Copenaghen che osserva aspetti locali della teoria quantistica dei campi,

osservando anche quelli non locali; la teoria dell’entanglement nega il principio di realtà.

L’entanglement quantistico è oggi alla radice delle nuove tecnologie: computer quantistici, teletrasporto dell’informazione e crittografia quantistica.

Il sistema di entanglement quantistico applicato nelle nuove tecnologie servirà per aumentare notevolmente la sicurezza, la velocità di trasporto e di calcolo dell’informazione.

 

Articoli collegati a questa pagina:

Il computer quantico

Cos’è la gravità

Cos’è un Wormhole

Come funziona il computer quantico

Cos’è il Bosone di Higgs

Cos’è lo spin di una particella

 L’elettrone, cos’è?

Cos’è l’entanglement quantistico

Lascia un commento