Cos’è il Ramadan

Il 25 aprile 2020 inizia il mese Ramadan, anno Higri 1441; un momento speciale per tutti i fedeli al monoteismo islamico e i credenti che amano purificarsi

 

 

Le mie informazioni

non sostituiscono la tua guida spirituale o

il tuo psicologo di fiducia

 

 

Ramadan un mese speciale

 

Tra 12 giorni inizia il mese sacro di Ramadan nel quale i fedeli del monoteismo si dedicano a purificare il copro e lo spirito.

Provai questa esperienza nella mia vita e voglio esprimere ciò che ho imparato da questo gesto utile per la persona che si avvicina con giudizio al digiuno.

 

 

 

 

Il Ramadan è il 9° mese del calendario Higri

(islamico) un pilastro della fede islamica ma osservato anche da alcune scuole cristiane in Africa.

Il mese di Ramadan è composto di 29 o 30 giorni secondo le fasi lunari su cui si fonda il calendario Higri; per questo motivo

l’anno Higri risulta ogni volta minore di 10 o 11 giorni a differenza di quello Gregoriano fondato sull’orbita solare della Terra che lo compone di 365 giorni, tranne per l’anno bisestile.

 

Il Ramadan 2020 o 1441 inizierà il 23, 24 o 25 aprile secondo la posizione della Luna e della zona, del pianeta, in cui abita il musulmano.

Il mese del digiuno è un mese sacro del calendario islamico, infatti: anche negli altri mesi sacri è facoltativo ma consigliato digiunare.

Il mese di Ramadan come ogni alto mese Higri inizia con il riapparire della luce lunare dopo la luna nuova, quella che non riflette alcuna luce.

 

 

 

 

Cosa provai durante il digiuno ?

Una sensazione di pace immensa, leggerezza del corpo, controllo totale della situazione psicologica, perdita di peso,

purificazione della pelle, distanziamento da tutto ciò che è inutile o dannoso per l’organismo.

Questo fenomeno durò: sin quando riuscii a prepararmi con giudizio alla mia scelta di digiunare, nel mese sacro di Ramadan,

ma appena allentai la cintura della serietà e della precedenza, al mio gesto:

la reazione al digiuno cambiò immediatamente.

 

 

 

 

Quanti modi per digiunare ?

 

C’è chi digiuna per fare lo sciopero della fame, chi per dimagrire o per fare la modella, oppure per purificare solo l’organismo e

qualcuno invece digiuna per comprendere la spiritualità e purificare, non solo il corpo ma, anche la mente.

 

Per le tecniche di digiuno professionale, amatoriale od ospedaliero devi rivolgerti al tuo medico di fiducia mentre se stai morendo di fame:

puoi solo dire l’ultima preghiera.

 

Invece per digiunare con la tecnica per comprendere la spiritualità e purificare anche la mente oltre che il corpo:

occorre prendere un libro sacro e iniziare a leggerlo prima di esprimere l’intenzione del digiuno.

 

Certamente, per digiunare: non devi avere patologie gravi o essere sotto cura ospedaliera o medica, non  puoi digiunare con le mestruazioni,

se sei diabetico o ipoglicemico (carenza di zuccheri nel corpo).

 

Se sei affetto da gravi patologie o sotto cura medica, oppure sotto l’effetto di stupefacenti, anche se stai senza mangiare:

danneggi solo te stesso e il tuo sistema nervoso e a volte anche gli altri.

 

 

 

 

Il libro Sacro

 

Prima di esprimere l’intenzione di digiunare occorre iniziare a leggere un libro sacro della profezia monoteista e continuare la lettura sino alla fine del digiuno.

Senza questo strumento non puoi avvicinarti in alcun modo al digiuno spirituale per purificare il corpo e la mente. 

Le informazioni che memorizzerà il tuo cervello saranno elaborate nel tempo per fornirti, successivamente, risposte utili alla tua vita.

 

 

 

 

Qualcuno mi sta sussurrando

Sai che scrivendo questo articolo è come se avessi già fatto il digiuno di Ramadan?

Ecco: scusate ma queste considerazioni non le sopporto anche se sono allettanti e nel mondo islamico ve ne sono parecchie,

come nel mondo cattolico vi sono molte divinità di ogni genere. Scusate la mia considerazione ma sono occidentale.

E se devo avvicinarmi ad una fede per trovare sempre gli stessi enigmi, che trovi nelle altre: allora rinuncio.

Ascolto molte voci durante la giornata e a volte anche di notte, se dovessi dare ragione a tutte: sarei già rovinato.

 

 

 

 

Perché sei scettico ?

 

Notai che nella spiritualità vi è coerenza e razionalità anche se il mondo sostiene il contrario e la religione cattolica esprime molto il fenomeno irrazionale.

Ma se ti stacchi dalla religione cattolica e inizi a vivere la spiritualità  applicandola al mondo reale allora ti accorgi

che non v’è alcun fenomeno inspiegabile, alcun miracolo, nessuna magia.

Essa non è più gioco o fantasia, ne stupore, ne illusione ma realtà tangibile.

da ciò ne consegue che:

se voglio continuare a vivere la mia spiritualità con coerenza e razionalità devo accettare che questo è un articolo e non un digiuno

Il digiuno è astinenza da cibo e acqua, dall’alba al tramonto, non è scrivere un articolo.

 

 

 

 

Come hai iniziato a digiunare ?

 

Non conoscevo ancora la cultura islamica, miravo al digiuno di Gesù ma mi resi conto che era inumano impossibile da applicare alla vita di un uomo

perché la chiesa cattolica inserì nei vangeli un digiuno di 40 giorni e 40 notti senza cibo o bevanda.

 

Digiuno che io considero inutile anche per il Profeta che a mio parere non aveva alcuna necessità di purificarsi ed essere tentato dal demonio,

come è scritto nella bibbia, perché Gesù (Isa Ibn Mariama)  era coadiuvato con lo spirito di Santità.

 

Quando conobbi il digiuno di Ramadan mi resi conto che vi era un Libro Sacro che conteneva del giudizio, della coerenza con la specie umana.

Ma non ero pronto per leggerlo perché mi scandalizzava la mente, cioè: il mio cervello aveva generato

l’illusione del cristianesimo cattolico e considerava ogni altra cultura religiosa: un’eresia.

 

Aveva un’illusione talmente radicata che, alla vista di un’altra cultura: generava un’illusione più forte a causa delle informazioni false che avevo memorizzato,

inerenti al terrore, alla magia e alla crudeltà.

 

Penso che sia lo stesso fenomeno che accade ad un musulmano quando vede la bibbia o una croce: potrebbe pensare ai crociati, alle guerre, alla falsità o vedere il shaitan.

Proseguii continuando a leggere i Vangeli e la Bibbia e iniziai a digiunare con questi libri ma con il metodo islamico.

 

 

 

 

Notai che digiunare leggendo i vangeli

era un’ottima tecnica ed infatti: anche Gesù esprime la frase: non di solo pane vive l’uomo ma di ogni parola pronunciata dall’Altissimo.

Ai cristiani: Consiglio di adoperare solo libri canonici libri della chiesa cattolica anche se sono stati modificati nel tempo a causa delle traduzioni e del copyright.

 

Perché almeno avete una retta via da seguire altrimenti vi perdete nelle fantasie che riportano i libri che vorrebbero fare spiritualità ma alla fine fanno solo i soldi.

 

Sovente le interpretazioni dei cattolici porterebbe chiunque direttamente nelle tenebre, infatti voi parlate di perdono quando invece:

 

Gesù venne al mondo per dividere l’umanità in due gruppi;

per ridare la vista a coloro che credevano di essere ciechi e toglierla totalmente a chi credeva di vedere con chiarezza.

(com’è scritto, ancora, nel vangelo di Giovanni, nella Bibbia, capitolo 9 versetto 39)

 

 

 

 

 

Il mio digiuno cristiano

con tecnica islamica e cristianesimo copto etiope: iniziai all’età di 21 anni leggendo i vangeli, lavorando, e digiunando dalle 6 del mattino sino alle 18 del pomeriggio.

Astinenza da cibo, acqua, rapporti sessuali, impulsività, nervosismi e informazioni non inerenti ai vangeli per 12 ore.

 

I vangeli riuscivo a leggerli nell’ora di pranzo e di pausa lavoro, mentre la notte leggevo per circa due ore la bibbia, i libri della Siracide,

della Pazienza, i Salmi, la rivelazione di Giovanni e i Vangeli.

 

dopo le ore 18 rompevo il digiuno con tè e qualche biscotto poi cenavo normalmente senza esagerare per non ingolfare lo stomaco e l’intestino.

Verso le ore 5 del mattino bevevo quasi mezzo litro d’acqua e mangiavo arance e banane per poi iniziare il digiuno.

 

 

 

 

Il mio digiuno con tecnica islamica

 

E’ circa simile al digiuno cristiano copto di origine etiope: rompo il digiuno, dopo il tramonto del sole, con una bevanda calda e qualche fetta di pane,

aumento leggermente la dose di cibo mangiando dopo aver dormito dal tramonto sino alle 23 quindi mi alimento come in una cena leggera

ma equilibrata nelle proteine, sali minerali e vitamine, assumo anche un integratore vitaminico contenente anche sali minerali.

 

Bevo circa due litri d’acqua durante tutte le fasi della cena e della preghiera.

Dopo di che eseguo il Tarawi le 13 preghiere facoltative che permettono di collegarsi con il network dell’Altissimo e facilitano il digiuno come leggendo il Vangelo.

Esprimo all’Altissimo l’intenzione di digiunare dall’alba sino al tramonto, poi vado a dormire e mi sveglio un’ora prima dell’alba

per mangiare un po’ di frutta e bere una spremuta d’arancia, se occorre anche un po’ d’acqua.

 

Preferibile anche al tramonto la spremuta d’arancia e la frutta invece che il dolce e il caldo, ultima esperienza.

Eseguo la preghiera obbligatoria dell’alba ed esprimo nuovamente l’intenzione di digiunare dall’alba sino al tramonto;

quindi mi preparo e inizio a lavorare, continuando il ricordo dell’Altissimo mentalmente e durante le 5 preghiere obbligatorie

 

 

 

Lo ripeto anche per i musulmani

ricordate che il cervello è condizionato da tutte le informazioni che avete ricevuto da quando siete nati.

Con queste informazioni il cervello ha generato un suo mondo virtuale nel quale è convinto che quella sia la realtà.

Ad ogni informazione che contraddice quella realtà, generata dal cervello con tutte le informazioni, esso per difendersi: genera un’illusione ancora più forte.

Come quella di avere davanti il miscredente, il shaitan o il nemico pericoloso.

 

 

 

 

 

Considerate che gli imperi ci addestrano

appositamente per giocare alla guerra. (questa informazione la memorizzai al servizio militare di leva)

Gli imperatori del mondo si divertono a chi è più forte e più potente perché dietro a questi giochi infantili: si muovono miliardi di dollari,

cala e aumenta il prezzo del petrolio e dell’oro, molti imperatori anche mediorientali si arricchiscono tramite la vita e il sangue dei popoli.

 

Mentre i popoli continuano ad essere oppressi dall’economia internazionale proprio a causa di questi giochi di guerra.

Il Corano ordina di combattere in caso di difesa ma soprattutto di lottare con te stesso per camminare sulla retta via.

Mentre gli imperatori del mondo: ordinano ai popoli di combattere per arricchirsi; e opprimerli ancora.

 

 

 

 

Non hai paura di morire ?

No, assolutamente, perché sono a conoscenza che sin quando non giunge la mia ora non muoio e se è arrivata non posso allontanarla, quindi perché preoccuparsi ?

Non è comunque facile per alcuno accettare il fenomeno della morte, come per me, semplicemente perché tutti gli esseri viventi:

sono dotati dell’istinto di sopravvivenza. (tranne in caso di patologie gravi o sotto l’effetto di alcool o stupefacenti, come alcuni terroristi)

 

 

 

 

Cos’è importante per digiunare ?

Mantenere l’attenzione sulle parole dell’Altissimo, evitare luoghi o persone che possono far dimenticare la retta via, evitare nervosismi,

rapporti sessuali durante il digiuno, compiere l’abluzione totale (lavaggio totale del corpo)  e quella parziale (lavaggio delle mani, comprese le dita una per una, del volto delle orecchie

dei capelli del naso dei piedi comprese le dita; e degli avambracci).

Trattenere i nervosismi, evitare di osservare immagini o persone che possono eccitare il desiderio sessuale ed evitare di fumare

mentre, invece, è utile leggere molto il Corano o i Vangeli.

La mancata osservazione di queste regole, nell’Islam, rompe inevitabilmente il digiuno anche se non mangi più sino al tramonto.

 

 

 

I benefici del digiuno di Ramadan

Personalmente il digiuno ha modificato interamente il mio corpo e la mia mente in senso vantaggioso e ho potuto comprendere

tutti quei fenomeni che molti nominano miracoli ed altri magie.

Oltre ad aver rinforzato l’autocontrollo e perso abitudini inutili per la mia persona e l’ organismo, ottimo metodo anche per smettere di fumare.

E’ importante ricordare a tutti coloro che vogliono iniziare un digiuno che l’organismo deve essere in salute e no assumere alcool,

medicine o droghe di qualsiasi genere.

 

 

Nella speranza di riuscire a compiere il mio digiuno, se l’Altissimo vorrà:

anticipatamente spero per tutti:

un concreto Ramadan.

 

 

 

Le mie informazioni non sostituiscono la tua guida spirituale o il tuo psicologo di fiducia

 

Leggi l’articolo 

Cos’è la Kaaba