Cos’è il Panta rhei? Il Tutto scorre

Tutto scorre un antico aforisma di Eraclito uno dei maggiori filosofi Greci, cos’è il Panta rhei? La filsofia che si contrappone al concetto di Parmeneide, inerente all’essere, sostituendolo con la filosofia del divenire

Tutto scorre

 

Cos’è il Panta Rhei?

Platone nel “Cratilo” (dialogo di Platone) scrive:

Dice Eraclito che tutto si muove e nulla sta fermo e che non potresti entrare due volte nello stesso fiume.

In questa espressione Eraclito vuole farci intendere che non possiamo fare la stessa esperienza due volte perché siamo tutti sottomessi alla legge del mutamento.

Cratio, un discepolo di Eraclito, supererà il pensiero del maestro sostenendo che nello stesso fiume non ci si può bagnare neppure una volta perché le sue acque scorrono e sono in continuo mutamento.

Nel trattato sulla natura di Eraclito non trovi l’espressione “tutto scorre” ma nel frammento 91 D-K di questo trattato trovi scritto:

“Non si può discendere due volte nel medesimo fiume, e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato”

“Ma a causa della sua impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie, viene e va”

Eraclito sostiene che in ogni caso esiste un modo di pensare, parlare, scegliere e quantificare che, sottomesso al continuo mutamento,

che gestisce in modo occulto il metodo razionale che determina l’attendibilità del contenuto e provoca il perpetuarsi degli enti sensibili.

L’ente sensibile partecipa e imita l’idea, ad esempio tu partecipi all’idea di essere uomo, cioè il tuo esser uomo è presente in te, ma questa presenza dipende dall’ente immutabile che è l’idea di esser uomo.

 

Fonti

W. Panta rhei

booksgoogle.it