Cosa rischi seguendo le entità cerebrali

Vi è un rischio pericolosissimo nel seguire le entità del cervello se le dai un significato non coerente con la realtà del fenomeno

 


Cosa rischi?

Seguendo le entità cerebrali

 

Un pericoloso destino ti attende seguendo le voci del cervello esse possono dominarti, convincerti di essere ciò che non sei.

Cosa ho rischiato credendo che le entità fossero reali?

 

Provai più volte a seguire le voci generate dal cervello perché all’inizio pensavo fossero anche entità spirituali che poi cambia relativamente la considerazione.

Perché sia che le nomini cerebrali o spirituali esse sono invisibili a meno che il cervello non abbia preso troppo sul serio il fenomeno per il quale:

è tendenzialmente favorevole a generare anche delle allucinazioni visive.

Un momento sensibile a questo evento fu quello in cui iniziai a scrivere la leggenda di AnKi infatti dopo alcuni capitoli quasi pensavo di essere un Sumero oppure un alieno.

Eppure ho 53 anni quindi l’età non ferma le suggestioni generate dal cervello che lasciato libero di gestire la tua vita:

rischia di impossessarsene totalmente rischiando di ritrovarti sbalzato fuori dalla realtà quotidiana ed anche dalla razionalità che serve per vivere in armonia con i fenomeni dell’esistenza.

 

Ma, come ho già scritto in un articolo attinente al parlare da soli:

lo spavento più grave lo provai quando, lasciando libero il mio cervello di continuare i suo colloqui, la figura che somigliava alla voce che ascoltavo: apparve seduta sul letto della mia camera.

In quel momento compresi la necessità di governare la mente per non incorrere nella pazzia totale.

Dopo questo avvenimento allucinante smisi immediatamente di lasciare il cervello libero di pensare da solo e iniziai ad educarlo.

Perché mi accorsi, che la mia mente: voleva essere gestita a dovere e solo allora mi avrebbe aiutato come un intelligenza artificiale.

Fu così che mi accorsi dell’importanza di questo calcolatore naturale che mi permetteva di risolvere i problemi semplicemente impartendole degli ordini precisi e semplici da comprendere.

 

Ma questa osservazione attinente alle entità del cervello mi permise di osservare le persone e a comprendere i loro problemi.

Infatti: molti sono convinti di essere in un modo oppure in un altro di credersi profeti o paladini un po’ come l’effetto Forest.

Cioè: il cervello procura degli stimoli che, se non riconosciuti e analizzati, rischiano di convincerti di essere Napoleone o Giovanna D’arco, un profeta oppure un chiaroveggente;

senza valutare le inevitabili conseguenze generate da queste allucinazioni prodotte da congetture del cervello umano.


 

 


Cosa rischi?

Seguendo le entità cerebrali

Seguendo e credendo alle entità cerebrali rischi di compromettere la tua vita e anche quella degli altri basta che osservi cosa accade nel mondo.

Alcuni sono, infatti, disposti a morire perché qualcuno o anche solo il loro cervello li hanno convinti di andare in paradiso con tante donne o di diventare un eroe internazionale.

Altri credono di essere inutili e scartati dalla società, sempre a causa del cervello lasciato in libertà, compromettendo la loro vita e quella delle loro famiglie.

In sostanza ho compreso che è sempre il cervello a decidere in funzione delle informazioni che sono memorizzate nella sua memoria a lungo termine,

oltre a quelle che l’individuo non sa di aver memorizzato e appartengono quindi all’inconscio del soggetto.

Il cervello umano è un vero calcolatore e sicuramente il migliore motore di ricerca di tutto l’universo basta che lo informi e lo metti subito al lavoro.

Informazioni di carattere psicologico che non sostituiscono il parere del tuo psicologo.

Grazie per la visita