Coronavirus: consigli per il futuro

Nel web ho trovato articoli che prevedono nuove ondate di contagi, per covid19, nonostante sostenga che sia falso allarmismo: meglio prevenire che curare

 

 

Coronavirus

Consigli e prevenzione

Coronavirus: consigli per il futuro

Tra chi sostiene che la specie umana sia a rischio estinzione e chi prevede la fine del mondo: ho trovato informazioni

che condizionano la psicologia umana tramite la paura del virus che uccide ma, se hai letto gli articoli precedenti attinenti al covid 19:

avrai compreso che questa pandemia ha ucciso molte persone ma ne ha arricchito molte di più di quante ne siano decedute.

 

Con queste informazioni non ti prometto alcunché ma seguendo il mio stile di vita sono ancora sano e salvo senza ostentare

l’uso della mascherina e neppure dei disinfettanti.

Anzi: lavoro la terra e oggetti sempre coperti di microbi sovente mi ferisco con insetti, chiodi o con la vegetazione che tento di disinfestare.

 

Ma con le difese immunitarie in perfette condizioni non prendo l’influenza, senza l’uso di vaccini, da molti anni e

neppure in questa pandemia sono nati problemi.

Neppure per colpa delle ferite sono soggetto ad infezioni; tenendo presente: che pulisco e disinfetto la ferita

con Amuchina e Gentalin pomata antibiotico.

Le informazioni restano comunque soggettive  e non possono sostituire il parere del tuo medico.

Coronavirus: consigli per il futuro

 

 

Puoi sostenere che la tua è prevenzione ?

 

Sono stato criticato da molti individui, anche su Facebook, che sostengono non si possa prevenire un virus o curarsi

con l’alimentazione e lo stile di vita.

Non metto in dubbio il parere dell’industria farmaceutica e neppure dell’ordine dei medici perché ciò che sostengo nasce dall’analisi, esclusiva,

di me stesso e delle mie reazioni fisiche e psicologiche ai fenomeni che si presentano nella mia vita quotidiana.

 

Non posso negare che tramite un’alimentazione leggera, ridotta ai minimi termini ma appropriata all’organismo del soggetto:

gli permetta di acquisire salute dal suo stesso comportamento; oltre al necessario distanziamento sociale per interrompere

i contagi durante una pandemia come quella del coronavirus o covid 19

 

Anche se la mia generazione non è stata oggetto di scrupolo, come le precedenti, per il problema malattie infettive

infatti anch’io sono stato immunizzato dalle malattie stesse

Tranne per malattie risolte con i vaccini come: l’antipolio, l’antivaiolosa e l’antitetanica, ma quasi tutti avevamo da combattere contro

il morbillo, la rosolia, la varicella, gli orecchioni e la pertosse  ma pur essendoci ammalati: siamo ancora sani e vivi.

 

Coronavirus: consigli per il futuro

 

 

Sei sicuro che dipenda dallo stile di vita ?

 

In parte si: sono certo che uno stile di vita appropriato alla nostra salute migliori le condizioni psicofisiche del soggetto

Nelle mie esperienze notai che anche gli incubi sono relativi agli ambienti che si frequentano; purché la persona che sogni:

sia onesta e sensibile; anzi: forse è proprio per questo motivo che in ambienti repellenti, a tale carattere, il cervello elabora sogni,

forse d’avvertimento o solo per elaborazione delle informazioni ricevute dai 5 sensi che non entrano in armonia

con la psicologia del soggetto e quindi il manifestarsi di incubi; questo è ciò che sono riuscito ad estrarre dall’esperienza.

 

 

 

Coronavirus: consigli per il futuro

 

il sogno in relazione all’ambiente frequentato 

 

Nelle notti dei miei 54 anni di esistenza, su questo pianeta, il cervello generò alcuni sogni che potrei definire incubi

per lo spavento che provai al risveglio.

Allora cercai di analizzare le circostanze che rendevano fertile la mia mente a sogni spaventosi e mi accorsi che ciò dipendeva

dall’incompatibilità ad alcuni ambienti o gruppi di persone che ero costretto a frequentare per la mia ignoranza o paura della solitudine.

Oltre a considerare l’educazione del soggetto che vive in circostanze che si oppongono alla sua mentalità le quali:

lo faranno sentire ulteriormente in colpa per il conflitto interiore tra ciò che è; e ciò che vive, conflitto che,

durante il sonno: potrebbe generare altre angosce tramite il sogno o l’incubo.

 

 

E’ solo l’ambiente che incide sui sogni ?

 

L’ambiente genera gli elementi che si contrappongono alle esigenze psicofisiche del soggetto che frequenta luoghi o

persone con queste caratteristiche 

esempio: frequentando persone che amano la cucina ricca e gustosa potresti assumere alimenti che ammalano o

causano problemi al tuo organismo.

Alimenti che diventano complici del cervello nel generare sogni o incubi per la difficile digeribilità o a causa

di avvelenamento per cibi scaduti.

Ricordo che un musulmano mio ospite mangiò per sbaglio tre tortellini ripieni di carne di maiale, proprio tre di numero e

sino a quando non lo avvertii non si accorse di alcunché.

Ma venuto a conoscenza di aver mangiato carne di maiale: li vomitò immediatamente e nonostante

non li avesse più nello stomaco: stette male tutta la notte facendo incubi paurosi.

 

 

 

 

Coronavirus: consigli per il futuro

 

Coloro che non hanno patologie e non sono sotto cura possono continuare a vivere come hanno fatto sino ad ora tenendo presente che le difese immunitarie 

necessitano sostegno e alimentazione adeguata:

Sostegno nel senso che l’organismo non deve adagiarsi su se stesso per pigrizia o paura ma occorre tenerlo in attività per non inibire gli organi.

 

Organi che provvederanno ad affrontare energicamente qualsiasi malattia ma soprattutto la preverranno

per la loro condizione di salute che gli permetterà pieno regime su tutto l’organismo.

 

Le attività utili per un organismo attivo devono stancarlo e irritarlo per poi ricevere la  giusta dose di alimentazione, riposo e sonno 

Ho notato che impegnandomi nello studio dell’informatica sino allo stress:

il mio cervello riesce a elaborare molto più velocemente le informazioni e soprattutto a categorizzarle per poterle ritrovare con facilità.

Fenomeno che non pensavo neppure esistesse in questo mondo, per un comune mortale.

 

Consiglio di mantenere il giusto ed equilibrato distanziamento sociale per prevenire il  rischio di contagio,

di usare sempre la maschera nei locali pubblici e in luoghi affollati.

Lavarsi le mani prima di qualsiasi azione che possa trasferire i microbi presenti: al naso alla bocca e agli occhi.

Non esagerare con i disinfettanti perché oltre ai microbi potresti danneggiare le difese immunitarie della pelle.

 

 

 

 

Alimentazione applicata durante la pandemia

 

Durante questi sei mesi dedicati al covid19 la mia alimentazione si basava su circa due litri di latte, circa un chilo di arance al dì,

200 grammi di carne cruda di vitellone alla settimana, ritagli di salmone, tonno, cavolfiore, banane tre volte alla settimana,

insalata, frutta e un litro d’acqua naturale al giorno.

Riso, uova soda, pane e latte a volte anche per uso quotidiano.

 

Coronavirus: consigli per il futuro

 

 

Alimentandomi senza esagerazione

ma solo per appagare il senso d’appetito, non faccio uso di alcool, farmaci o droghe

purché mi piaccia fumare poche sigarette al giorno non ho problemi di catarro perché con l’assunzione della vitamina C

esso viene spurgato automaticamente dai polmoni per reazione.

Completando l’alimentazione con multicentrum over 50 plus un integratore che contiene vitamine e sali minerali

specifico per chi ha compiuto i 50 anni di età.

 

Importantissimo ricordare che se non ahi fame non devi mangiare perché l’organismo e il cervello sanno perfettamente di cosa hai bisogno.

Quindi qualche giorno di digiuno anche saltuario o alcune ore non fanno male ma servono: per consumare i grassi corporei e

rigenerare alcune cellule dell’organismo, certamente senza prendere l’abitudine all’astinenza da cibo per non rischiare

l’anoressia o il deperimento fisico.

 

Come per le sigarette vale lo stesso concetto anche per l’uso di alcool: ho notato anziane persone abituate al loro bicchiere di vino

superare benissimo la pandemia, senza alcun problema, perché l’indebolimento delle difese immunitarie

inizia quando gli organi si trovano a risolvere i danni di un vizio continuo e non per il gusto di bersi un bicchiere di vino

 

 

 

 

Perché l’esempio del musulmano terrorizzato ?

 

Il musulmano che vomita e sta male tutta la notte per aver assaggiato tre tortellini contenenti carne di maiale: 

ti permette di comprendere come viene soggiogata la psicologia della specie umana tramite le dottrine religiose,

le tradizioni popolari o la gestione dell’opinione pubblica con un’informazione distorta appositamente per questo motivo.

 

Infatti spaventando le persone alcuni individui, più sensibili, potrebbero auto contagiarsi al virus psicologicamente pur non avendo alcunché

Od isolarsi totalmente dalla società per paura di contagiarsi e morire, come non uscire di casa e terrorizzarsi

al primo starnuto d’allergia, di un’altra persona.

 

La mente umana deve essere libera da congetture che vietano l’uno o l’altro elemento ma è obbligata trovare equilibrio tra essi 

se vuole vivere in armonia con la sua specie e con la realtà che la circonda.

Tutte informazioni che non sostituiscono in alcun modo il parere del tuo psicologo o del tuo medico di fiducia.

 

Grazie per la visita e allenati a star bene se vuoi andare nello spazio