Come eliminare i tarli del legno

Un grave problema del legno sono gli insetti che nascono all’interno del materiale, da uova depositate da un insetto, durante la crescita dell’albero; o durante il deposito del mobile in ambienti umidi.


Il Tarlo del Legno

 

Come eliminare i tarli

Quando l’insetto attacca le parti legnose non vi è moltissimo da fare ma puoi prevenire la nascita di altri insetti tramite un trattamento anti tarlo con permetrina in soluzione al 2,5% in un litro di petrolio bianco.

I tarli sono insetti di forma ovale che depongono le uova nei fiori e nelle piccole crepe della corteccia.

Siccome si nutre di amido e cellulosa prodotta dal legno: esso inizia a scavarlo per nutrirsi.

Quando le larve sono uscite dalle uova iniziano a scavare lunghi cunicoli tra la fibra legnosa sino a completa metamorfosi in insetti.

L’insetto diventa adulto in primavera e in autunno preparandosi a deporre altre uova che potranno schiudersi anche dopo alcuni anni senza generare alcun sospetto.

Il suo nome è anobium punctactum appartiene alla famiglia dei coleotteri è di forma cilindrica e ovale allungato della lunghezza che varia dai 3 ai 5 millimetri.

Mentre le larve hanno un colore bianco e sono simili a piccoli vermi che si nutrono anch’essi di legno e cellulosa.

I fori che puoi notare nel mobile in legno, attaccato da un tarlo, è indice di avvenuta metamorfosi e sviluppo dell’animale completo.

Il tarlo del legno necessità di una temperatura che varia tra i 14 e 25 gradi centigradi con un umidità che superi il 50%.

L’insetto preferisce il legno dei mobili e dei pavimenti perché lontani da agenti atmosferici sfavorevoli mentre all’aperto è sottoposto a congelazione d’inverno ed essiccazione d’estate, quando l’umidità è a valori minimi.


I trattamenti

devono essere svolti quando l’insetto si trova nello stato post embrionale o quando raggiunge l’età adulta, ed è quindi conveniente eseguire ogni trattamento nei mesi tra marzo e maggio.

Procurati una siringa da lavaggio insieme ad un ago resistente.

Acquista un prodotto anti tarlo contenente permetrina al 2,5% oppure compra un concentrato di permetrina e diluiscilo nel petrolio bianco sempre in soluzione al 2,5% di permetrina.

Inizia ad iniettare il prodotto nelle gallerie scavate dal tarlo tramite la siringa.

Per tutti i fori che trovi nel mobile di legno.

Ripeti l’operazione se noti che il legno è notevolmente tarlato.

Attendi che evapori il petrolio e inizia la stuccatura dei fori per l’eventuale verniciatura.

Non cerca prodotti tossici per l’uomo per riuscire nella tua impresa. Perché il tarlo muore solo con il veleno.


Un sistema totalmente naturale

per eliminare i tarli del legno consiste nel portare il mobile o l’oggetto in legno a temperature che si avvicinano a 0° centigradi;  depositando, per alcuni giorni,  il mobile in un ambiente simile a un surgelatore o cella frigo.


Il problema del tarlo

che attacca le parti legnose dipende anche dal periodo di taglio degli alberi dai quali si ricavano le tavole e dal metodo di essiccazione del legno.

Non è prevedibile se un mobile può essere attaccato o se contiene uova al suo interno senza una scansione a raggi x.

E’ utile, quindi, prevenire con trattamenti anti tarlo prima di sentire il tarlo rosicchiare il mobile o vedere gli insetti volare intorno ad esso.


Nonostante i trattamenti anti tarlo usati:

non puoi eliminare definitivamente le uova depositate all’interno;

ma impregnando i canali, scavati dai tarli nel legno, di permetrina puoi frenare la loro uscita perché rosicchiando il legno mangiano anche il veleno.

Ne consegue che occorre ripetere annualmente il trattamento in caso di gravi infestazioni di anobium punctactum, il tarlo del legno.