A cosa serve programmare la vita?

Vivere con un programma quotidiano è diventato necessario soprattutto nel mondo civile, potresti fare a meno di programmare i tuoi progetti ? 

programmare la vita

 

Ti sei chiesto molte volte a cosa serva programmare la vita di una persona, quasi considerandolo un male sociale ma è solo con un programma che si costituisce un sistema sociale.

Sistema che, anche se scomodo alla natura umana, ti concede un certo tenore di vita che altrimenti non potresti condurre.

Tutto è programmato per funzionare in una collaborazione continua, come una catena di montaggio e se un anello si rompe la catena si spezza.

Questo programma esiste anche nella natura, ma non ci appare chiaramente a causa del nostro giudizio costruito su congetture.

 

Programmare la propria vita, perché?

 

La differenza tra il  vivere con un programma e  attendere il tuo destino è enorme, soprattutto nel concepire il destino in un modo totalmente diverso dalla realtà.

Se attendi passivo gli eventi della vita: non riconosci la tua capacità di modificarli e migliorarli come se fossi inerte difronte alla vita stessa.

Mentre: se  forzi, con le tue capacità, gli eventi proposti dalla vita programmando le tue ore lavorative e il tuo tempo libero:

riuscirai ad ottenere il meglio dal tuo destino, potendolo osservare e modificare.

Certo: non puoi modificare il destino universale della natura, tutti siamo sottoposti alle stesse forze fisiche di questo pianeta e dell’Universo; e non possiamo interagire con esse.

Ma esiste anche il tuo destino individuale.

 

Cos’è? il destino

 

Lo puoi considerare un’increspatura nel tempo e nello spazio nella quale sei anche tu, questa increspatura ha un inizio e una fine dalla quale nessuno fugge o ne modifica la durata.

Siccome anche le stelle, i pianeti e le montagne sono un’increspatura, nella materia spazio tempo, anche tu sei parte di questa increspatura con le caratteristiche fisiche dell’increspatura.

Possedendo la coscienza, la consapevolezza e la volontà puoi modificare questa increspatura a tuo vantaggio; anche se non puoi modificarne le caratteristiche universali.

Un pietra come una montagna o un’animale non potrà mai farlo, tu si!

Con la ragione: puoi crearti i programmi desiderati e raggiungere la meta voluta, ma senza di essi: resti schiavo dell’increspatura o del destino.

Potrai trovare ostacoli e controverse situazioni che tenteranno di farti cambiare strada, ma se sei consapevole di avere questa possibilità di interazione naturale con le proprietà del tuo destino:

sarai sempre libero di ottenere quello che più vuoi e ti divertirai nel viverlo completamente, osservandolo e migliorandolo giorno per giorno.

Il cervello è come un computer con molte più capacità e applicazioni, puoi programmarlo per qualsiasi attività, ma non tutti lo sanno o credono a questa verità.