Ministro Vittorio Sgarbi e suoi imitatori, tecniche per gli ascolti

Nonostante apprezzi il Professore e Ministro Vittorio Sgarbi per la sua cultura: mi sento in dovere di inviargli un messaggio: da quando la televisione ha scelto questa tecnica mediatica basata sugli insulti, sia politici che artistici, solo per aumentare gli ascolti. Da quando il Ministro Sgarbi si è adeguato a questo sistema d’informazione e di critica: è diventata una perdita di tempo ascoltare le sue critiche e i suoi messaggi. Questo vale per lui ma anche per tutti coloro che lo imitano. Se dovessi sbagliarmi sul sistema e fosse tutto dovuto al carattere personale di questi personaggi pubblici allora opterei per una visita psicologica che li risani dallo stress. Perché, per quanto mi riguarda, dalle loro bocche escono solo parole meschine che compromettono la loro carriera di ministri e professori, esibendo al pubblico solo delle figure infantili e ridicole. Un consiglio: guardate le registrazioni, dei vostri spettacoli, così capite. A parte l’ironia, capisco: che se dovessero vivere lavorando per un pubblico serio si ritroverebbero soli e senza un quattrino. Esempio: se non esibissero questi spettacoli non avrei scritto quest’articolo per il Ministro e Professore Vittorio Sgarbi e chi lo imita. Forse sono legato a un’educazione antica ma per quanto mi riguarda la critica resta un’informazione utile a migliorare l’individuo e l’insulto resta un’offesa che non porta altro che una reazione uguale o di chiusura mentale anche se per la televisione e i media porta tanti soldi.

Platone e Aristotele Scuola di Atene Raffaello Sanzio 1509 1511