Anarchia, cos’è l’anarchia, cos’è l’utopia

Qual’è il significato di Anarchia sia dal punto etimologico sia come fenomeno presente L’Anarchia viene spesso fraintesa con altre filosofie di vita che però non appartengono a questa ideologia anche se vengono soprannominate “Anarchiche”

L’Anarchico dovrebbe essere un individuo indipendente da qualsiasi forma di potere governativo.

E’ possibile nel sistema in cui tutti viviamo essere Anarchici?

Un individuo Anarchico riuscirebbe ad auto controllarsi e imporsi ininterrottamente il rispetto della società?

L’anarchia potrebbe essere pura utopia?

Come potrebbe funzionare un’economia Anarchica?…..

L’Anarchia

Il significato etimologico della parola Anarchia deriva dal Greco antico e significa: assenza di Governo o Principio.

A metà del XIX secolo Pierre Joseph Proudhon (1809 – 1895) fu il primo a dare un significato appagante alla parola Anarchia, 

contrariamente al passato che corrispondeva al Caos e al Disordine. (Prima del XIX Secolo la parola Anarchia aveva un altro significato)

Pier, non contento, crea anche il simbolo dell’Anarchia che significa: Anarchia è Ordine. La famosa A cerchiata.

Volendo, in questo modo, distruggere i concetti di Utopia e Illuminismo.

Dopo Pierre anche il rivoluzionario Michail Bakunin, Max Stirner, Lev Tolstoj e l’inventore Josiah Warren. Contribuirono alla modifica del significato anarchico

I significati che assume la parola Anarchia diventano in breve tempo molteplici:

  1. Movimento non violento
  2. movimento Pacifista
  3. Insurezionalismo  Rivoluzionario
  4. Abolizione dello stato o di alcune forme di potere
  5. Società non gerarchica
  6. Abolizione della proprietà privata
  7. Anarco pacifismo
  8. Anarchismo Cristiano
  9. Anarco Comunismo

Uso ambiguo della parola

Mentre il termine Anarchia è usato tutt’oggi e anche nel passato (prima del XIX secolo) per indicare una situazione di caos e illegalità sociale.

Basti pensare che le cellule del nostro organismo quando si comportano in modo anarchico generano il tumore e il cancro.

Ed effettivamente vivere in una società anarchica, come vuole la parola, è peggio di un tumore.

Dalla metà del XIX secolo nascono molti sinonimi della parola Anarchia, con la quale, oggi,

viene considerata la politica e il progetto sociale anarchico, mentre con anarchismo si intende la lotta del movimento anarchico.

La mentalità anarchico moderna nasce co gli scritti di Thomas More (Tommaso Moro) con l’intento

di creare un ordine anti gerarchico grazie anche a William Godwin, definito il primo pensatore anarchico.

Di questi tempi ho potuto ascoltare molte versioni tecniche dell’anarchia. Ma sostengo siano sempre di utilizzo politico.

Dall’antichità ad oggi, molti individui, si sono prestati nel creare menzogne per confondere l’umanità a loro vantaggio.

Per poter vivere senza governi dovremmo essere tutti  capaci di autogovernarci. Cioè imporci le leggi per il rispetto della società, dell’economia,

dell’ambiente ed essere capaci di annullar,  in noi, tutti i problemi psicologici che influiscono sul nostro comportamento sociale.

Come vedete torniamo alla mentalità nazista della razza perfetta, che non esiste.

L’UTOPIA

Tutto ciò che viene proposto come ideale sociale ma che non trova appiglio nella vita reale viene considerato una mera illusione o un falso ideale a cui diamo l’aggettivo di utopico.

L’utopista è colui che inventa menzogne da proporre alla società, nella speranza che qualcuno gli creda e lo aiuti nei suoi intenti.

Tommaso Moro o Thomas More conia un significato dell’utopia con un gioco di parole e in questo modo la parola Utopia significa Buon Luogo invece che Falso.

In sostanza per Tommaso, l’utopia, sarebbe un luogo buono ma inesistente.

Stesso comportamento è stato usato da tutte le religioni, che speculando sul peccato, sul paradiso,

sull’inferno, sulla tristezza, sul potere, sulla morte e sulla resurrezione hanno inventato solo utopie per convincere l’uomo a fare lo schiavo.

Ma non esistendo un sistema razionale, per definire cosa è utopico, ancora oggi non no esiste un significato determinante di questa parola.

Come vedete: tra politica e religione non vi sono molte differenze. La spiritualità è proprio un’altra cosa ed solo di proprietà Umana.

Siamo nel nuovo millennio e sinceramente considero ridicolo e poco maturo inventarsi menzogne per governare la società.